CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Politiche per la cultura in Europa. Modelli di governance a confronto

Politiche per la cultura in Europa. Modelli di governance a confronto,  a cura di Francesco Giambrone, Franco Angeli editore, 2013, con i contributi di Alexander Brunner, Carlo Azeglio Ciampi e  Claudio Martinelli.

Questo volume vuole rappresentare uno strumento di conoscenza di differenti modelli rispetto a quello italiano che, pur subendo negli anni diverse trasformazioni e dovendo affrontando varie criticità hanno dimostrato di funzionare. Le politiche culturali prese in esame dall'autore sono quelle di Francia, Regno Unito e Germania, oltre naturalmente all'Italia, con la finalità di promuovere una riflessione sui cambiamenti e sulle innovazioni possibili che riguardano, a 360 gradi, il mondo della cultura.
A livello europeo, città come Parigi, Londra e Berlino (quest'ultima nuovo punto di riferimento dell'industria culturale europea), rappresentano in termini di attività politiche, risultati raggiunti, infrastrutture, un traguardo significativo al quale guardare con interesse. E' necessario pensare alle politiche culturali come parte integrante di una strategia complessiva, in grado di creare reti urbane materiali ed immateriali grazie ad una reale coesione interna derivante da un lavoro congiunto tra istituzioni e società, pronte ad abbracciare la stessa sfida.
Quando si parla della valorizzazione della cultura si può intendere il valore del bene, ad esempio reperti, siti archeologici, contesti architettonici ed altro, come pure l'attribuzione della valenza culturale come criterio di gestione dell'istituto della cultura, in grado di riscoprire canoni di efficienza-efficacia dell'agire amministrativo. Valorizzazione del bene culturale, quindi, come occasione di crescita in relazione all'innovazione.

Ultima modifica il Lunedì, 25 Novembre 2013 14:48
Home Recensioni Politiche per la cultura in Europa. Modelli di governance a confronto

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.