CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Comuni analytics

Comuni analytics

La sezione Comuni Analytics è caratterizzata dalla presenza di due sotto-sezioni denominate "140 battute” e “numeri e territori". “140 battute” sono delle pillole informative della lunghezza di un “tweet” con cui dare una sintetica rappresentazione delle principali variabili territoriali, socio-demografiche, economico-produttive ed istituzionali, che interessano i comuni italiani. Questi stessi fenomeni sono poi approfonditi e arricchiti con ulteriori dati e mappe, nella rubrica “numeri e territori”. Un modo per raccontare a noi tutti, cittadini ed amministratori, il mutamento continuo cui sono soggetti gli enti locali.

Nei Comuni sotto i 5000 abitanti sono concentrati 8.411 agriturismi. Si tratta quasi del 50% delle strutture italiane complessive. Fonte: elaborazione Centro Documentazione e Studi Comuni Italiani su dati Istat.

Gli alberghi situati nei territori dei comuni italiani rappresentano una componente importante dell'offerta turistica del nostro Paese, tradizionalmente legato a questo settore che è chiamato a resistere all'urto della crisi economica. Sono 4.400 i comuni italiani che ospitano almeno una struttura alberghiera nel proprio territorio, una cifra equivalente a poco più della metà delle amministrazioni italiane. I dati distinti per regione mostrano che nei territori del centro-nord le percentuali di comuni con almeno una struttura alberghiera superano il valore medio nazionale (54,4%); le sole eccezioni sono rappresentate dalle realtà locali laziali (51,9%), lombarde (47,1%) e piemontesi (40,0%). I valori più elevati si osservano in Toscana e in Umbria, dove rispettivamente l'89,2% e l'83,7% dei comuni ospita un albergo nel proprio territorio.

Torino, con 315 comuni, sarà la città metropolitana con il maggior numero di amministrazioni comunali al suo interno

Al 1 gennaio 2013, il 27,6% della popolazione residente in Italia vive nelle 10 città metropolitane localizzate nelle regioni a statuto ordinario.

Nonostante ormai da anni l'Italia presenti il tasso di natalità medio più basso d'Europa, nel corso del decennio 2002-2012 registra un incremento del dato passando da 7,72 a 8,99 nati per 1.000 abitanti (+1,27).
Il trend di crescita è riscontrabile nel periodo analizzato nei comuni di tutte le regioni italiane anche se risulta importante sottolineare il mutamento che subiscono negli anni le dinamiche demografiche nel nostro paese: se, infatti, fino a pochi anni fa, il tasso di natalità era determinato soprattutto dalle nascite di bambini in famiglie residenti nei comuni dell'Italia centro-meridionale, oggi, all'opposto, sembrano essere i nuclei familiari che vivono nei comuni delle regioni settentrionali a contribuire nel sostenere e trainare tale indice.

Il 90% dei comuni italiani conta sul proprio territorio almeno una scuola statale o paritaria. Tale percentuale scende al 59% per i comuni fino a 1.000 abitanti dove in media circa 4 comuni su 10 non hanno scuole statali o paritarie. Fonte: MIUR

Home Comuni analytics

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.