CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Numeri e territori

Numeri e territori

Analisi, numeri ed approfondimenti dedicati all’ente locale.
Uno strumento per capire in tempo reale l’evoluzione dell’ente più prossimo ai bisogni dei cittadini.

Nel 2011 le famiglie in Italia sono poco più di 25 milioni, di cui quasi il 50% risiede nei comuni distribuiti nelle sole otto regioni settentrionali del paese. Rispetto al 2004 si contano quindi 2,3 milioni in più di nuclei familiari con un incremento percentuale pari al 10%. Se però da una parte si registra una crescita nel numero delle famiglie, dall'altra queste subiscono delle modificazioni. La denatalità, l'invecchiamento della popolazione e l'aumento dell'instabilità matrimoniale, sono causa di strutture familiari più contenute: sono sempre più frequenti infatti nuclei monogenitoriali o coppie senza figli.

Dei 6.412 sindaci che amministrano, a luglio 2012, i comuni italiani e per i quali è nota la data di nascita, solo 277 risultano avere un'età pari o inferiore a 35 anni, il 4,3% del totale.
Solo nei comuni del nord Italia si trovano percentuali superiori alla media. In particolare nelle amministrazioni comunali della Valle d'Aosta si registra la presenza più significativa di giovani sindaci, pari al 9,6%, più del doppio del valore medio. Seguono le amministrazioni comunali dell'Emilia - Romagna (7,1%) e del Friuli - Venezia Giulia (6,3%).

Il rapporto tra la popolazione residente in età non attiva (da 0 a 14 anni e da 65 anni e oltre) e la popolazione in età lavorativa (da 15 a 64 anni) moltiplicato per cento calcola l'indice di dipendenza demografica, che misura il peso economico e sociale che la popolazione attiva deve sopportare al fine di garantire le esigenze dei più giovani o dei più anziani, che essendo in età non lavorativa non possono soddisfare autonomamente le proprie necessità. Il progressivo allungamento dell'età della popolazione residente nel nostro paese ha provocato uno squilibrio generazionale che ha determinato, a sua volta, una graduale crescita dell'indice di dipendenza demografica.

I 4.570.317 stranieri residenti nei comuni italiani rappresentano il 7,5% della popolazione residente nel nostro paese; l’indice registra una significativa crescita rispetto al dato rilevato nel 2002 (2,4%). 

Dall’analisi dei dati, emerge una netta distinzione tra i comuni localizzati nelle regioni del sud ed in quelli nel centro e nel nord. Questi ultimi due gruppi di comuni, infatti, registrano, nel 2011, percentuali, generalmente, superiori al dato medio (con la sola eccezione dei comuni valdostani), con valori superiori al 10% nei comuni emiliano-romagnoli (11,3%), umbri (11%), lombardi (10,7%) e veneti (10,2%).

Sono 450.337 le unità che costituiscono il personale dipendente delle 8.029 amministrazioni comunali italiane.

Alla luce delle ultime disposizioni introdotte dalla legge n. 135/2012 (c.d. SpendingReview 2) relative all'associazionismo intercomunale obbligatorio per i comuni fino a 5.000 abitanti, risulta evidente come il fenomeno delle unioni di comuni assuma sempre un rilievo maggiore per il riordino territoriale dei piccoli comuni.

Pagina 7 di 7

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.