CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Numeri e territori

Numeri e territori

Analisi, numeri ed approfondimenti dedicati all’ente locale.
Uno strumento per capire in tempo reale l’evoluzione dell’ente più prossimo ai bisogni dei cittadini.

Solo l'11,7% dei comuni italiani è amministrato da una donna, ovvero 939 degli 8.018 sindaci del Paese. Tale percentuale, ancora piuttosto contenuta, rispecchia la più generale bassa incidenza femminile nel mondo delle istituzioni e nel mercato del lavoro italiano.
A livello regionale, quasi tutti i comuni del nord registrano una partecipazione femminile superiore alla media nazionale; infatti, sono i comuni dell'Emilia-Romagna a detenere la percentuale più elevata (il 18,8% dei sindaci è donna), seguono i comuni lombardi (15,0%) che, in valori assoluti, registrano il numero più elevato di sindaci donna (230).

La specializzazione agricola, caratteristica della maggior parte dei comuni italiani, presenta al suo interno significative differenze a seconda dell'area geografica di riferimento. I dati raccolti dal Censimento dell'agricoltura sembrano confermare la grande diffusione del settore primario nelle amministrazioni del sud Italia, dove è localizzato il 60% delle aziende agricole italiane su un totale di 1.620.884. Osservando i valori assoluti della distribuzione di tali attività lungo il territorio del nostro Paese, le cifre più elevate si riscontrano nei comuni pugliesi e siciliani: nei primi si concentrano 271.754 aziende, nei secondi 219.677, rispettivamente il 16,8% e il 13,6% delle aziende agricole nazionali. Al contrario, le realtà che in termini numerici hanno un peso minore all'interno del settore agricolo nazionale sono prevalentemente localizzate nel nord, con la sola eccezione rappresentata dai comuni molisani.

Dopo meno di un anno dall'applicazione dell'IMU e a distanza di pochi mesi dal pagamento della nuova rata per il 2013, è oggi possibile analizzare la distribuzione territoriale degli incassi derivati dall'applicazione dell'imposta nel 2012, grazie alla pubblicazione da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze dei dati a livello comunale del gettito IMU 2012. Gli incassi totali della recente imposta che ha riguardato i proprietari di immobili hanno superato i 23,7 miliardi di euro (valore comprensivo delle manovre comunali), pari ad un importo medio per versamento di 344 euro. Considerando congiuntamente gli importi medi dei versamenti dovuti per le prime abitazioni e gli altri immobili, sono emerse a livello regionale ampie differenze: da un massimo di 558 euro del Lazio (dato che scende a 308 euro al netto della Capitale) fino ad un minimo di 177 euro e 179 per versamento in Calabria e Basilicata rispettivamente.

Nell'ambito dell'impegno rivolto alla tutela della biodiversità, l'Unione Europea ha previsto l'istituzione di particolari zone denominate "Siti d'Importanza Comunitaria" (SIC) e "Zone di Protezione Speciale" (ZPS). In entrambi i casi non si tratta di aree protette tradizionalmente intese, ma la loro istituzione rappresenta un importante contributo al mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario.

Le città medie, oltre a svolgere un importante ruolo di "decompressione" delle diseconomie agglomerative, ovvero delle criticità che spesso affliggono le città di più grandi dimensioni, riescono a rivestire un ruolo funzionale e strategico nell'ambito delle politiche di sviluppo nazionali ed europee. Il ruolo di tali enti è confermato anche da due recenti documenti prodotti nell'ambito del dibattito per il prossimo ciclo di programmazione comunitaria.

I dati sulla diffusione della banda larga a rete fissa forniscono un quadro della penetrazione tecnologica nel territorio comunale italiano.
A livello nazionale, oltre la metà dei comuni (54,4%) presenta una copertura superiore al 90% di popolazione servita da banda larga. Se poi a questo dato si somma quello riguardante le amministrazioni con una copertura compresa tra il 50,1% e il 90%, si nota che in più del 70% delle realtà locali italiane, più della metà della popolazione è raggiunta dal servizio di banda larga a rete fissa

Pagina 3 di 7

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.