CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Fotostorie

Fotostorie

Un’istantanea indelebile  che evidenza  un frammento di vita degli Enti Locali.

 

Nel 1974 l'Anci incontra una delegazione della Conferenza permanente delle città jugoslave, con la quale istituisce una conferenza italo-jugoslava, con un totale di nove incontri che arriveranno fino allo scoppio della crisi jugoslava nel 1991.

La Prima conferenza (Spalato 27-28 marzo 1975), che vede la partecipazione di circa 350 rappresentanti di città e comuni delle due sponde adriatiche, si sofferma sulla protezione del Mare Adriatico dall'inquinamento e sui problemi dello sviluppo turistico.

Il Consiglio d'Europa dichiarò il 1975 "Anno europeo del patrimonio architettonico", mettendo in atto una serie di iniziative che culminarono nella Dichiarazione di Amsterdam. Essa conteneva la "Carta europea del patrimonio architettonico", ratificata al termine del congresso tenuto appunto ad Amsterdam (21-24 ottobre), dai delegati di tutti gli stati europei membri comunitari. La gestazione di tale documento era stata laboriosa: i principi ivi contenuti, approvati dal Consiglio dei ministri europeo nel mese di Settembre, si erano venuti articolando in una serie di lavori e confronti che si erano succeduti dall'anno precedente.

 

L'entrata in vigore delle regioni nell'ordinamento amministrativo italiano, comportò dei cambiamenti istituzionali e legislativi.
L'organo di giustizia amministrativa di primo grado a circoscrizione regionale prevista dall'articolo 125 della costituzione fu realizzata solo con la legge 6 dicembre 1971 n. 1034. Il disegno di legge relativo (senato n. 1351 che era stato presentato il 15 ottobre 1970) fu analizzato, studiato ed emendato dall'Anci; a seguito del Consiglio nazionale tenutosi a Roma il 12 febbraio 1971, l'Associazione spedì il testo delle modifiche e integrazioni al disegno di legge, assieme a delle proposte formulate in quell'occasione a Franco Restivo con una lettera del 19 febbraio.

 

Il Diciannovesimo congresso mondiale delle città e autorità comunali si tenne a Vienna dal 16 al 21 giugno del 1969 con il tema centrale delle finanze comunali.

L'opuscolo (in lingua inglese, francese e tedesca), illustra il programma della seduta inaugurale, nella sala di ricevimento del municipio viennese (Festsaal des Rathauses). Il programma fu introdotto dall'inno di Vienna (Festfanfare di Franz Pliss), quello austriaco (Bundeshymne di Wolfgang Amedeus Mozart) e infine quello europeo

Tema caldo dal secondo dopoguerra, la legislazione urbanistica italiana ha visto un continuo sovrapporsi di norme eterogenee, in parziale modifica di quelle risalenti al 1942, creando in tal modo un corpus mai giunto a costituire un testo unico.

Fin dagli anni Sessanta si accese il dibattito sulla necessità di una riforma urbanistica, in realtà mai varata dal Parlamento.

Dal 20 al 23 marzo 1978 lo Iula tenne a Firenze una conferenza internazionale sui poteri locali e sulla promozione di una migliore comprensione internazionale intitolata "Cittadino d'una città. Cittadino del mondo", in collaborazione con la Città di Firenze e con l'appoggio dell'Unesco.

Home L'archivio storico Separatore sezioni archivio Fotostorie

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.