CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Dopo la questione di Sappada, passato alla provincia di Udine, cambia la mappa geopolitica del Veneto. Dopo il passaggio di Sappada (ex Belluno) al Friuli, nuova provincia Udine, potrebbe non arrestarsi "l'emorragia" di comuni veneti che aspirano ormai da anni a cambiare regione e capoluogo di provincia.

I giovani europei viaggiano sempre più; a dispetto della crisi economica che attanaglia loro e le famiglie, Eurostat rileva che nel 2015 vi è stata una propensione a viaggiare e al desiderio di fare esperienza in atri luoghi e realtà sociali. C'è il desiderio di mettersi in gioco e rapportarsi con altre culture per assurgere a nuove conoscenze utili al proprio bagaglio personale.

100 anni fa alcune date-simbolo per la storia recente dell'Italia. Il 1917, per l'Italia, fu l'anno più difficile della Grande Guerra, e non solo per le drammatiche sconfitte e le perdite dei soldati subite sul campo.

"Conoscere Palladio, la Basilica, la Loggia del Capitanio e gli altri attraverso gli studi è una conoscenza imperfetta. Bisogna vederlo a Vicenza". (Guido Piovene)

"Sonatine bizzarre" di Antonio Fogazzaro è il titolo della pubblicazione che Lucio D'Ubaldo, il Direttore del Centro Documentazione e Studi Comuni Italiani, ha fortemente voluto dedicare, anche grazie alla Fondazione Roi, alla città di Vicenza e a uno dei suoi figli più illustri

Il link alla Lectio Magistralis del Presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, organizzata da Federsanità Anci e dal Centro Documentazione dei Comuni Italiani, dal titolo "La salute degli italiani. Aspetti sociali e demografici".   

 https://youtu.be/nymp_ftl24A

di Marco Giuliani

Non solo Almaviva, Gruppo Nova, Sky, Mediaset, Esso ed Erg, ma anche case farmaceutiche, agenzie di informatica e aziende di alta moda. Le grandi industrie stanno fuggendo da Roma e dal Lazio

Il Presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, è intervenuto stamani alla Lectio Magistralis, organizzata da Federsanità Anci e dal Centro Documentazione dei Comuni Italiani, dal titolo "La salute degli italiani. Aspetti sociali e demografici".

L'incontro, promosso da Federsanità Anci e in programma il 26 settembre (Piccolo Auditorium Aldo Moro in via di Campo Marzio 24), sarà anche l'occasione per aprire un dibattito finalizzato alla costruzione di un confronto istituzionale per promuovere azioni volte a favorire politiche socio sanitarie, che diano risposte alle problematiche presenti sul territorio.
Un'analisi sulle disuguaglianze sociali esistenti e sulle modificazioni da esse subite nel tempo oltre che una riflessione sul sistema di welfare del nostro Paese. Con questi obiettivi si svolgerà il prossimo 26 settembre, organizzata da Federsanità ANCI, la Lectio magistralis del Presidente dell'Istat Giorgio Alleva.

Nel corso dell'incontro, oltre ad illustrare i dati dell'ultimo Rapporto Annuale Istat, si aprirà un dibattito finalizzato alla costruzione di un confronto istituzionale per promuovere azioni volte a favorire politiche socio sanitarie, che diano risposte alle problematiche presenti sul territorio.

La Lectio Magistralis si svolgerà a Roma, alle ore 11, presso il Piccolo Auditorium Aldo Moro in via di Campo Marzio 24. Segreteria organizzativa tel 06.69924419

 

di Lucio D'ubaldo

Matteo Camiciottoli, il Sindaco di Pontinvrea, che aveva preso di mira con particolare virulenza la Presidente Boldrini, si è scusato.

di Lucio D'Ubaldo

La vicenda delle vaccinazioni obbligatorie incrocia una pagina poco esaltante della nostra esperienza repubblicana. Non siamo di fronte a un conflitto normale, potremmo dire fisiologico, tra Stato e Regioni. Sì è scelto un terreno scabroso, ricco d'insidie, dunque pericoloso. La tutela della salute, cardine non trascurabile dell'ordinamento costituzionale e quindi dello Stato sociale, non può essere erosa o minata per effetto di contrasti sull'applicazione di una legge del Parlamento.

Nuove regole per i contratti a tempo nella P.A, con limiti alle proroghe e al ricorso

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.