CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Questa volta il governo fa sul serio: entro quest'anno le slot machines spariranno dai ristoranti, dai circoli privati e dagli esercizi commerciali ed entro tre anni dai bar e dalle tabaccherie che non otterranno una specifica certificazione. Sarà possibile giocare soltanto in locali posti a non meno di 150 metri da scuole, edifici di culto e Sert e dotati di precise caratteristiche.

Non è più "procrastinabile il momento di reintrodurre su tutto il territorio nazionale l'obbligatorietà delle vaccinazioni per accedere alle scuole di ogni ordine e grado. In questo modo sarà possibile ammettere l'intera popolazione ai benefici derivanti dalle vaccinazioni".

Il 4 maggio in Conferenza Unificata è stato sottoscritto l'accordo tra Governo, Regioni ed Enti locali sull'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione di segnalazioni, comunicazioni e domande nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali.

CELEBRATO il 70mo ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D'ITALIA

Era l'ora di cena, quando gli italiani potevano ascoltare in massa, magari riuniti a tavola per consumare quel poco di cibo (razionato) a disposizione o raggruppati in qualche bar. Ed arrivò l'appello con cui Sandro Pertini, da Radio Milano, emittente con frequenze clandestine, il 25 aprile 1945 invocò l'insurrezione degli italiani (tutti) contro l'occupazione militare nazista e il governo di Salò.

Nel 2045 la popolazione residente attesa per l'Italia è stimata a 58,6 milioni e nel 2065 a 53,7 milioni. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe quindi di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 può oscillare da un minimo di 46,1 milioni di persone ad un massimo di 61,5. La probabilità statistica è di un aumento della popolazione al 2065 pari al 7%.

Giorgio Guazzaloca, ex Sindaco di Bologna, ci ha lasciato all'età di 73 anni dopo una lunga malattia.

E' consultabile sul web la piattaforma digitale Opendemanio dedicata alle principali iniziative di rigenerazione e riuso del patrimonio immobiliare pubblico italiano

La Commissione ITRE del Parlamento europeo (Industria, Ricerca ed Energia) ha approvato il piano WiFi4EU, un ambizioso progetto che mira a promuovere le connessioni Wi-Fi gratuite per i cittadini e i visitatori in spazi pubblici in tutta Europa. Il piano della Commissione europea punta a risolvere la mancanza di una connettività omogenea in alcune regioni d'Europa e rappresenta una prima risposta ai bisogni delle popolazioni locali, che molto spesso sono tagliate fuori a causa delle scarse infrastrutture, creando un vero e proprio divario digitale.

La Commissione ITRE del Parlamento europeo (Industria, Ricerca ed Energia) ha approvato il piano WiFi4EU, un ambizioso progetto che mira a promuovere le connessioni Wi-Fi gratuite per i cittadini e i visitatori in spazi pubblici in tutta Europa. Il piano della Commissione europea punta a risolvere la mancanza di una connettività omogenea in alcune regioni d'Europa e rappresenta una prima risposta ai bisogni delle popolazioni locali, che molto spesso sono tagliate fuori a causa delle scarse infrastrutture, creando un vero e proprio divario digitale.

La Commissione europea censura l'Italia con un "parere motivato" per il superamento dei limiti giornalieri delle emissioni nocive di particolato Pm10 in ben 30 zone di rilevamento, per lo più aree urbane situate nelle regioni Lombardia, Veneto, Piemonte, Toscana, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Campania, Marche, Molise, Puglia, Lazio e Sicilia.

Nel 2017 triplicato il numero degli insegnanti sottoposti a mobilità logistica: quasi la metà sono quelli di sostegno

Uno degli elementi fondamentali della riforma della politica di coesione 2014-2020 dell'Ue è rappresentato dall'introduzione di precondizioni affinché gli Stati membri ricevano il sostegno finanziario dei fondi strutturali e d'investimento europei.

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.