CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

I cittadini che eseguono interventi volti ad aumentare il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti potranno detrarre una parte delle spese sostenute per i lavori dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o dall’imposta sul reddito delle società (Ires). I titolari di reddito d’impresa avranno la possibilità di usufruire della detrazione solo con riferimento ai fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale.

E’ stato presentato a Roma il VI Rapporto “Agromafie” che rileva come l’agroalimentare rappresenti un terreno assai fertile per la malavita con un impatto critico sul tessuto economico, sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.

Il titolare del Mit, Danilo Toninelli, ha siglato ieri il decreto interministeriale con il quale vengono ripartiti tra le Regioni a statuto ordinario 3.898.668.289,20 miliardi di euro come anticipazione dell’80% del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario. Tra i fondi sono stati conteggiati, e dunque di fatto sbloccati, 300 milioni di euro accantonati dalla legge di Bilancio 2019.

 

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Presidente dell'Unione delle Province d'Italia, Achille Variati, il seguente messaggio: 
 
«In occasione della XXXIV Assemblea congressuale dell’UPI, desidero rivolgere un cordiale saluto ai presidenti e agli amministratori delle province italiane, unitamente al ringraziamento per l’opera svolta a favore dei propri territori.

La speranza e l'impegno per garantire alla città e alla sua gente un futuro migliore, confidando nel superamento definitivo degli anni di declino che hanno provocato la bancarotta del comune: è questo il tema centrale dell'ultimo libro del magistrato siciliano Luciano Abbonato, intitolato "Palermo tra emergenza e progetto". Testo che per la complessità e la consistenza degli argomenti trattati, vale la pena di sfogliare attentamente.

Il tavolo di lavoro della Consulta Nazionale ANCI Piccoli Comuni e del CELVA – Consorzio degli enti locali della Valle d’Aosta, fa parte delle attività messe in campo da ANCI anche in vista dei prossimi incontri con gli altri componenti dei tavoli degli Stati Generali della Montagna promossi dal Ministro per Affari Regionali, Erika Stefani.

Piena disponibilità  a collaborare all’implementazione del Reddito di cittadinanza,  riconoscimento dell’importanza di un ampliamento della platea dei beneficiari, nella sottolineatura che un impianto così complesso (che vede una pluralità di attori in campo) presuppone una forte concertazione e una governance ben strutturata. Il successo degli interventi dipenderà infatti anche dalla qualità delle sinergie attivate dai diversi attori coinvolti.

Come avvicinarsi alla montagna e viverne le bellezze senza depauperare il suo significato? Ne sa qualcosa la Regione Piemonte che, su indicazione dell’assessore Alberto Valmaggia e dell’assessore Augusto Ferrari, ha approvato la Carta etica della montagna. L’obiettivo del documento è quello di promuovere una cultura ne che valorizzi l’economia locale, legata a una frequentazione turistica sostenibile e socialmente inclusiva, nell’ottica di accogliere anche le fasce più fragili della popolazione.

C’è tempo fino al prossimo 17 aprile per partecipare a Urbact III, il nuovo bando di programmazione europea rivolto allo sviluppo urbano sostenibile. Il bando, aperto a Comuni, Unioni, Province e Regioni e sostenuto da Anci Piemonte, è stato illustrato nelle scorse ore a Torino

Roma, 30 gennaio 2019.

E' stato firmato presso gli uffici dell'Istituto per la Finanza e l'Economia Locale di Piazza San Lorenzo in Lucina il protocollo d'intesa tra il Centro Documentazione e Studi dei Comuni Italiani ANCI-IFEL e POLITALIA srl, che prevede l'istituzione di una piattaforma interattiva (App) in cui i comuni avranno la possibilità di immettere dati, notizie e informazioni circa le realtà municipali e locali italiane.

Ancora di cittadinanza austriaca, si arruolò nell'esercito italiano per liberare gli alto-atesini dalla dominazione degli Asburgo-Lorena

Nato in Austria quando Trento era ancora controllata dagli Asburgo, è forse – con Guglielmo Oberdan – l'esponente dell'irredentismo italiano più popolare e citato dalla storiografia contemporanea.

“Ci vuole il lavoro!”. E’ una litania, anzi un grido, che si leva da più parti come antidoto a tutti i mali del Paese, dalla disoccupazione alla malavita, dalla recessione alla povertà.

Pagina 1 di 47

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.