CDC - Centro di Documentazione e Studi dei Comuni Italiani

Oggi, nel 2018, sembra esservi una diminuzione delle certezze che la nascita della democrazia, in Italia, produsse a livello politico, sociale e storiografico

Il Centro Studi e Documentazione dei Comuni Italiani di ANCI-IFEL ha organizzato, in collaborazione con l'Associazione no-profit "SAGEN - Salute, Ambiente, Genoma" un workshop sul tema "COMUNITÀ E SALUTE, Studi di impatto sulla salute in aree prossimali a impianti di smaltimento e recupero rifiuti". L'evento si svolgerà a Roma il 13 settembre 2018 presso il Piccolo Auditorium "Aldo Moro", Via Campo Marzio, 24 e in diretta streaming con la Sala Conferenza della Biblioteca dell'Ospedale San Donato di Arezzo.


Sant'Agnese fuori le mura ha il sapore di una bella storia antica, quale è la sua, essendo uno dei primi edifici di culto eretti a Roma in età paleocristiana.

La data è storica: primo luglio del 2018; si avvera il sogno di Adriano Olivetti. La città di Ivrea e quel laboratorio di città ideale diviene realtà. Infatti, in questi primi giorni di estate la città piemontese viene eletta "città industriale del XX secolo". La nomina di Ivrea è stata proclamata a Manama, in Bahrein, dove si sta svolegendo il 42° Comitato del Patrimonio mondiale Unesco. Si tratta del 54° sito italiano che entra a far parte del Patrimonio Unesco.

Pubblichiamo il video della Lectio magistralis, organizzata dal Centro Documentazione dei Comuni Italiani, che ha visto la presenza del fondatore del Censis, il Prof. Giuseppe De Rita, raccontare le evoluzioni della società italiana e dei suoi territori. Il Sindaco di Ascoli Piceno e Presidente dell'IFEL, Guido Castelli, ha aperto i lavori della giornata seminariale, coordinati dal Direttore del Centro, Lucio D'Ubaldo, e poi concluso dal saggista e critico letterario, Filippo La Porta.


 

 

 

"Bisogna tornare a respirare insieme, a pieni polmoni, curando una sorta di "enfisema polmonare" che ha debilitato la società e impoverito la politica". Lo ha detto Giuseppe De Rita, fondatore del Censis, in occasione della sua Lectio magistralis, svolta su invito del Centro Documentazione e Studi dei Comuni Italiani (Anci- Ifel). Il sindaco di Ascoli Piceno e presidente dell'Ifel, Guido Castelli, ha aperto i lavori, coordinati dal direttore del Centro, Lucio D'Ubaldo, e poi concluso dal saggista e critico letterario, Filippo La Porta.

"Evoluzione delle comunità e dei territori: il motore dello sviluppo italiano" è questo il Titolo della Lectio magistralis che Giuseppe De Rita terrà a Roma il 21 giugno alle ore 11.00 presso il Piccolo Auditorium Aldo Moro in via di Campo Marzio 24.

"ll tricolore è il simbolo più caro e importante per tutti noi, rappresentanti delle istituzioni. Per noi sindaci, che ci onoriamo di indossarlo con la fascia che contraddistingue il nostro ruolo, rappresenta l'orgoglio e il sentirsi, pur provenendo da comunità diverse, uniti nella Repubblica.

In un periodo in cui si parla tanto di politiche comunitarie, dall'Ue arriva una nuova classifica che certifica le performance dei cittadini in ordine all'utilizzo di internet ed in particolare nella fruizione dei media.

Pubblichiamo il video della giornata seminariale, organizzata dal Centro Documentazione dei Comuni Italiani Anci IFEL, in ricordo di Roberto Ruffilli, lo statista democristiano ucciso in quel di Forlì da un commando brigatista il 16 aprile del 1988. E proprio in occasione del trentennale della sua morte l'Anci ha voluto ricordare il lavoro dello statista, evidenziando in particolare la sua vicinanza al mondo delle autonomie.

Eurostat pubblica una ricerca, condotta nel 2105, dove ha intervistato i cittadini di 109 città europee relativamente al loro grado di soddisfacimento della pulizia nelle proprie città.

Dagli scritti e dai discorsi del quadriennio 1969-73: riportiamo l'intervento al Senato del 5 maggio 1970 sull'annosa crisi israelo-palestinese.

Pagina 1 di 41

Ricevi la newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle attività del centro, sui cicli di formazione, i seminari e le ultime iniziative. Inserendo il proprio indirizzo di posta elettronica già registrato e cliccando sul tasto cancella è invece possibile cancellare rapidamente la propria iscrizione.